Giorno 2

La verità

I cadaveri dei tre lupi accanto al carro lentamente riprendono vita, mi attaccano e con qualche ferita riesco ad abbatterli tutti da sola, uno dopo l'altro. Ma tra le risate di Morgat Daif si rialzano sulle loro zampe pochi secondi dopo e capisco che l'unica soluzione è correre via dalla scalinata e mettermi al riparo. Comincio… Continue reading La verità

Annunci
Giorno 2

Morgat Daif

Sono nello shock più totale. Magari ho solo ferito la persona che ho sentito urlare, penso, cercando un veloce compromesso con la mia coscienza, cerco addirittura di autoconvincermi che sia stata solo una casualità, che con sia stata la mia freccia il motivo di quell'urlo agghiacciante. Ma si ha poco tempo per pensare quando si… Continue reading Morgat Daif

Giorno 2

Il pagamento

«Sveglia! Apri la porta, muoviti!» Mi sveglio di soprassalto, sentendo dei colpi violenti contro la porta della mia camera, che una voce che non conosco mi sta intimando di aprire, in modo abbastanza scontroso e rude. Mi rivesto in fretta e apro la porta. Mi trovo davanti ad un mezz'orco, che mi esamina con uno… Continue reading Il pagamento

Giorno 1

Parola d’ordine

Cerco l'ombra, per uscire dal campo visivo degli uomini di Carlisle, mi giro istintivamente nella direzione della voce appena udita e vedo di nuovo il mendicante di poco fa che mi indica, con un cenno brusco, di sedermi vicino a lui. «Presto copriti» mi dice porgendomi una cappa per nascondermi e fingermi una mendicante.  «Ma che sta… Continue reading Parola d’ordine

Giorno 1

Il Dio Ehl

Salgo la scalinata che mi porta ad una delle entrate del tempio, cerco di fare meno rumore possibile ed osservo all'interno: mi accolgono un alto soffitto ed un grande colonnato composto in due file che separano le navate laterali da quella principale. E' molto semplice, bianco, quasi spoglio, se non fosse per un enorme mosaico che raffigura un… Continue reading Il Dio Ehl

Giorno 1

L’attracco

Nel cielo sopra di me non brilla una stella, vedo solo la luna, nonostante il tempo sia sereno. Sembra che esso le abbia volutamente nascoste per farmi perdere l'orientamento, non sa che sono diretta ovunque e in nessun posto; navighiamo nello stesso mare io e lui, anche la mia memoria ha perso i suoi dettagli,… Continue reading L’attracco