Giorno 6

Meriam, la porta sussurrante

Davanti all'entrata della prigione ci posizioniamo davanti alle nostre guardie, pronti a manovrarle come burattini. Vedendo alzarsi la nebbia, i secondini si agitano ed estraggono le loro armi per difendersi, ma per una di loro è troppo tardi: nel caos generale avevo lasciato libera la mia guardia, gettandole prima la spada dentro una delle celle,… Continue reading Meriam, la porta sussurrante

Giorno 6

L’inizio della missione

Varrick ed Init scompaiono oltre il portone della villa, una ventina di minuti dopo partiamo anche io ed Enud; sulla strada gli spiego velocemente il mio piano: «Allora, questo piano infallibile in cosa consisterebbe?» mi chiede lui. «Indossa questo guanto, ora ti spiego» rispondo porgendogliene uno ed indossando l'altro. «Esma, ti sei ripresa da stamattina?… Continue reading L’inizio della missione

Giorno 6

Il mercato di Robdo

Comincio a girare tra le bancarelle in cerca di una cappa e di un paio di guanti, quando una massa di persone mi viene incontro spingendomi in direzione opposta alla mia. Vengo travolta da questa folla, ritrovandomi davanti alla bancarella di un nano, che comincia a chiamare gente a raccolta a gran voce: «Buongiorno miei… Continue reading Il mercato di Robdo

Giorno 6

Quando il nove arriverà al nove

Il mio sonno è disturbato da una sensazione di irrequietudine che mi fa rigirare più volte nel letto; mi volto a guardare fuori dalla finestra, per capire se fosse ancora notte fonda o se stesse finalmente per albeggiare. Il cuore quasi mi scoppia nel petto quando vedo una figura nera incappucciata alla finestra, la stessa… Continue reading Quando il nove arriverà al nove