Giorno 7

L’alleanza di Robdo

Un bussare insistente alla nostra porta ci fa tornare alla realtà: erano le undici del mattino ed erano ore che non davamo segni di vita.
Ci rivestiamo alla velocità della luce mentre la voce di Varrick ci esorta a sbrigarci:

«Aprite, buffoni, avete avuto abbastanza tempo»
«Solo un secondo, arriviamo» gli rispondo, nel più profondo imbarazzo per essere stati scoperti, dopo aver negato qualsiasi nostro coinvolgimento sentimentale appena il giorno prima.

Quando apriamo la porta, Varrick si mete a ridere:

«”Non dire sciocchezze, Varrick”» scimmiotta la mia voce «E tu complimenti, campione! Ti sei fatto valere stanotte!»

Seguendo Varrick al piano inferiore, il nano dà una pacca sulla schiena ad Enud, in gesto di cameratismo e stima, senza riuscire a smettere di ridersela sotto i baffi.
Nell’atrio troviamo ad aspettarci Vakolgad e tutti i nostri alleati, circa una settantina di persone: tutti con lo stesso sguardo meravigliato nel veder apparire Enud.

«Varrick, era necessario dirlo a tutti?» gli chiedo molto inquietata dalla situazione.
«Io? Questa villa è grande, ma ha i muri sottili, dovevate pensarci prima di dare spettacolo per tutta la notte. Abbiamo intuito tutti che il nostro elfo deve avere delle “doti” sovrannaturali, quindi ora non incolpate me.» mi risponde con le lacrime agli occhi dalle risate.

Questa volta mi sento arrossire io stessa nel scendere quelle scale e nel sentire le risatine ed i commenti lascivi di tutti quei soldati, così mi faccio piccola ed ammutolisco.
Enud resta al mio fianco tenendomi costantemente d’occhio e trattenendo una certa irritazione, aspettando che rompessi il mio silenzio.
Poco fuori città, su un pendìo tra le colline, si vede del fumo alzarsi e notiamo tre pennoni, che erano fissati sopra il palazzo di Niro, abbassare il suo stendardo: su quello centrale appare al suo posto un’altra bandiera con degli strani simboli, su quelli ai lati vengono appesi i resti del corpo dilaniato e fatto a pezzi di Niro.
Tra lo scalpore delle truppe, Varrick richiama tutti all’ordine:

«Uomini! Fermatevi! Dobbiamo aspettare che Init e i suoi compagni ci raggiungano» ordina, guardando l’orizzonte preoccupato.
«Cosa sono quei simboli?» gli domando io.
«Sono gli emblemi di Manira e di Meriam, hai già fatto conoscenza di quest’ultima a quanto hai detto. Non avevo la benchè minima idea che le cose si stessero mettendo così male, ma prima dobbiamo pensare a liberare Nares; speriamo che Init arrivi presto» risponde Varrick.

Proprio in quel momento una squadra di nostri commilitoni ci raggiunge, portando in spalla il povero goblin, gravemente ferito ad una gamba.
Cerco di vederne le condizioni e di fare quel che posso per salvarlo, mentre i suoi uomini ci raccontano dell’attacco delle due dee che si sono alleate, del fatto che Niro era ormai da tempo già sotto la loro volontà e di come solo in pochi tra loro fossero riusciti a scappare miracolosamente.

«Enud» lo chiamo, facendogli segno di avvicinarsi.
«Cosa posso fare? Farò qualsiasi cosa».
«Dobbiamo amputare la gamba, non possiamo curarla con i pochi strumenti che abbiamo e aspettare peggiorerebbe la situazione. Puoi trovare qualcuno che lo faccia? Io mi devo occupare di un’altra cosa, ti posso dare alcune delle mie bacche curative per alleviargli il dolore almeno un pò»
«Non ci voleva, duthnach!» risponde con quella che immagino essere un’imprecazione nella sua lingua «Vai pure, ci penso io qui»

Qualche metro più in là ci sono alcuni alberi a cui spezzo qualche ramo, chiedendo perdono ad Ogon – rah, il dio della natura al quale avevo giurato fedeltà il giorno in cui sono diventata druida e all’albero stesso a cui stavo recando danno, scusandomi in vista dell’emergenza della situazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...